"Terroristi infiltrati sui barconi". Duemila arrivi ieri in Sicilia, 1.300 ogg

znew-20160524-032729_1.jpg

"I terroristi stanno usando il flusso dei migranti per infiltrarsi in Europa, non abbiamo dati su un utilizzo sistematico, ma lo stanno facendo. Per questo ufficiali di Europol stanno affiancando quelli di Frontex negli hotspot in quattro isole della Grecia, e in Sicilia. Ma sono gli Stati membri ad avere la guida di questo esercizio: sono loro a decidere cosa fare se ci sono sospetti", così il direttore del Centro anti-terrorismo di Europol Manuel Navarrete Paniagua in un'audizione all'Europarlamento. "Non abbiamo dati su un utilizzo sistematico dei flussi - ha specificato Navarrete Paniagua - ma sappiamo che li stanno utilizzando, questa è la realtà. Per questo occorrono verifiche secondarie a livello di Stati membri soprattutto in Grecia e in Italia". "Dobbiamo evitare che i terroristi vittimizzino gli immigrati due volte", la prima perché li costringono a lasciare i loro Paesi, la seconda "perché li utilizzano per infiltrarsi in Europa" ha aggiunto, anticipando alla commissione Libertà civili del Parlamento europeo i rapporti "Situazione sul terrorismo nell'Ue per il 2016" e "Cambiamenti nel modus operandi degli attacchi terroristici dell'Isis". Proprio ieri c'è stata una nuova ondata sulle coste italiane: la Guardia Costiera ha coordinato diverse operazioni che hanno consentito di traghettare dalle coste libiche più di duemila clandestini. Oltre alle 15 operazioni nel canale di Sicilia, la centrale operativa della Guardia Costiera ha coordinato due soccorsi in acque maltesi, in collaborazione con le autorità di Malta. In particolare, sono stati soccorsi un peschereccio con 229 persone a bordo e un'imbarcazione da diporto con oltre 400 immigrati, che sono stati trasferiti sul mercantile "Tana Sea" dirottato in zona. Altri 1.300 sbarcheranno oggi in Sicilia nei porti di Catania, Augusta e Pozzallo da tre navi impegnate in operazioni nel Canale di Sicilia. Il gruppo più numeroso è sulla nave "Luigi Durand de la Penne": sul cacciatorpediniere lanciamissili della marina militare italiana ci sono 509 persone, l'approdo è previsto per le 15 nel molo commerciale del porto di Augusta, nel Siracusano. A Catania è invece atteso il pattugliatore della marina militare irlandese "Le Roisin" con 395 clandestini, mentre alle 13 è stimato l'arrivo nel porto di Pozzallo, nel Ragusano, della nave Bourbon Argos, una delle due imbarcazioni di Medici senza Frontiere impegnate in operazioni nel Mediterraneo, che ha a bordo altri 391 immigrati. Credits: direttore: alessandro morelli condirettore: matteo salvini per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU © 2016 MC S.r.l. - Tutti i diritti riservati | Note legali | Privacy policy

Visit website

Articoli simili.

$foto1

Character Design

January 15, 2015 / news, contests

Top iPhone Apps

January 15, 2015 / news, contests

Social Media Buttons

January 15, 2015 / news, contests

10 Amazing Websites

January 15, 2015 / news, contests

 

 

 


 

5